Morgan Stanley considererà Bitcoin per un’ala di investimento da $ 150 miliardi

Secondo un rapporto di Bloomberg news questa mattina, Morgan Stanley è l’ultima grande istituzione finanziaria a considerare un investimento in Bitcoin.

Citando „persone con conoscenza della questione“, il rapporto afferma che Cointerpoint Global, una sussidiaria di Morgan Stanley Investment Management con $ 150 miliardi di asset in gestione, „sta valutando se la criptovaluta sarebbe un’opzione adatta per i suoi investitori“.

Il sito web di Morgan Stanley descrive Counterpoint Global come un fondo specializzato in investimenti „il cui valore di mercato può aumentare in modo significativo per ragioni fondamentali“

Il fondo ha guadagnato il 72,7% su base annua, sovraperformando notevolmente i rendimenti dell’indice MSCI All Country World Net del 16,25%.

Il crescente interesse per Bitcoin non dovrebbe essere necessariamente una sorpresa, dato che l’azienda ha fatto investimenti significativi in ​​Microstrategy. A gennaio, Cointelegraph ha riferito che Morgan Stanley aveva acquistato una partecipazione del 10% in Microstrategy , le cui azioni erano in crisi e il cui CEO è diventato un’icona di Bitcoin da quando ha annunciato un investimento strategico in Bitcoin l’anno scorso .

Morgan Stanley non è nemmeno l’unico grande istituto bancario che cerca di essere coinvolto con le criptovalute

Nelle loro richieste di utili per il quarto trimestre, sia JP Morgan che Visa hanno riaffermato i piani per mantenere i servizi di pagamento crittografico , ei rappresentanti di entrambe le società hanno espresso interesse per ulteriori sviluppi se i clienti e le condizioni di mercato lo richiedessero.

Dieser Beitrag wurde am 17. Februar 2021 veröffentlicht, in Bitcoin. Setze ein Lesezeichen mit dem Permanentlink.